I WILL SURVIVE

Qui e Ora

Drammaturgia contemporanea
Italiano/110'

Nei videogiochi di una volta avevi tre vite. Tre possibilità per saltare o sparare o girare al momento giusto. Se sbagliavi, servivano altre monete. Oggi puoi giocare gratis all’infinito e senza andare al bar. Ma la vita, nella sua essenza, è rimasta quella degli anni ottanta: si muore una volta sola. Eppure, con le sue monetine nelle tasche, l’umanità resiste. Combatte, lotta, si dibatte, a volte si lascia vivere, altre viene travolta. E’ un’apocalisse mai catastrofica fino in fondo, fatta di attentati, terremoti, tsunami, metaforici e non. C’è differenza tra vivere e sopravvivere?

Scheda completa ⟶

6.Marzo.2021

Aosta / Teatro della Cittadella

Ore: 20:00

c/o La Cittadella dei Giovani Via Garibaldi 7 Aosta
https://www.cittadelladeigiovani.it/

testo di Francesca Albanese, Silvia Baldini, Laura Valli 
con Francesca Albanese, Silvia Baldini, Laura Valli 
regia di Marta Dalla Via 
supervisione drammaturgica di Diego Dalla Via 
luci di Paolo Tizianel 
produzione Qui e Ora Residenza Teatrale con il supporto di Campo Teatrale con il sostegno del MIBACT

I WILL SURVIVE

Qui e Ora

Drammaturgia contemporanea
Italiano/110'

6.Marzo.2021

Aosta / Teatro della Cittadella

Ore: 20:00

c/o La Cittadella dei Giovani Via Garibaldi 7 Aosta
https://www.cittadelladeigiovani.it/

testo di Francesca Albanese, Silvia Baldini, Laura Valli 
con Francesca Albanese, Silvia Baldini, Laura Valli 
regia di Marta Dalla Via 
supervisione drammaturgica di Diego Dalla Via 
luci di Paolo Tizianel 
produzione Qui e Ora Residenza Teatrale con il supporto di Campo Teatrale con il sostegno del MIBACT

Nei videogiochi di una volta avevi tre vite. Tre possibilità per saltare o sparare o girare al momento giusto. Se sbagliavi, servivano altre monete. Oggi puoi giocare gratis all’infinito e senza andare al bar. Ma la vita, nella sua essenza, è rimasta quella degli anni ottanta: si muore una volta sola. Eppure, con le sue monetine nelle tasche, l’umanità resiste. Combatte, lotta, si dibatte, a volte si lascia vivere, altre viene travolta. E’ un’apocalisse mai catastrofica fino in fondo, fatta di attentati, terremoti, tsunami, metaforici e non. C’è differenza tra vivere e sopravvivere?

Scheda completa ⟶
Torna su