My Place – il corpo e la casa

 

Ho un luogo interno che non conoscevo, ora tutto va a finire là. Non so che cosa vi accada.
M. Rilke – I quaderni di Malte Laurids Brigge

In scena tre corpi nudi – o meglio in biancheria intima – volutamente messi in evidenza: masse corporee vive e non censurate, vere, oneste e ben diverse da quelle che ancora oggi siamo abituati a vedere in mostra sui giornali, su internet, in televisione. Tre donne non più giovani ma non ancora vecchie, certamente non perfette. Ma belle. Perché autentiche. E disposte, in uno show surreale, ad offrirsi al pubblico per quello che sono, corpi senza casa né spazio, sfrattate dal proprio io, lanciate a inseguire, divorare e moltiplicare le proprie ombre. Con passo leggero e sguardo ironico e tragicomico sul femminile.

Il corpo – casa è l’immaginario intorno a cui si sviluppa il lavoro di scena, da quel luogo le attrici partono per svelare momenti di fragilità e di bellezza, per restituire spaccati di intimità, per disvelare un posto segreto, un luogo fisico o uno spazio dentro di noi, comunque territorio della visione. Poche parole, quadri visivi, corpi in movimento. Un racconto fisico che va a indagare i luoghi dell’intimo.

MY PLACE segna l’occasione di mettere a confronto due poetiche diverse e affini. Due sguardi sul femminile. Si incontrano la ricerca di un movimento che nasce da corpi non convenzionali e la sperimentazione sulla drammaturgia autografa, lo sguardo ironico e l’indagine sul contemporaneo. Le attrici autrici di Qui e Ora prestano corpo alle visioni di Silvia Gribaudi e offrono a loro volta alla coreografa e performer un immaginario contemporaneo con cui mettersi a confronto

.

Residenze La Piccionaia (Vicenza) | L’arboreto – Teatro Dimora (Mondaino RN) | Olinda –Teatro La Cucina (Milano)

.

Dicono di noi…

DA KRAPP’S LAST POST – LA SOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL’ESSERE di Vincenzo Sardelli  “Un modo per sfatare i canoni tradizionali di bellezza, per criticare la società omologante e rappresentare un mondo rilassato, è “My place – Il corpo e la casa”, di Qui e Ora residenza teatrale…. la sapidità controcorrente di uno spettacolo che pone in dialettica corpo, età e ruolo della donna nella società contemporanea… Non occorrono troppe parole. Che poi è lo stile di Silvia Gribaudi. Che riduce in brandelli la prosa, abbatte gli steccati della danza, raccoglie i cocci della cultura borghese. Fa tutto un fascio dei costumi di scena e ne accende un falò, alla cui luce rischiara il nostro essere frantumato dal consumismo e dalle apparenze vuote, per ricomporlo poi amorevolmente.”

DA Q CODE MAG di Gabriella Ballarini “Ci sono corpi che sono case, che sono strade, che sono danze e poi c’è un posto, il mio posto o meglio My Place. Tre donne in mutande e reggiseno. Il corpo e la casa. Il contenuto e il contenitore. Io, tu e lo spazio attorno. Tre corpi-rifugio che risplendono di normalità, corpi appesantiti dagli anni, alleggeriti dalla bellezza del gesto delle mani e dei piedi e delle scarpe. Smascherato il corpo, My Place ci chiede di rallentare la corsa. Da vedere, a qualsiasi costo.”

GIGI GHERZI – TEATRO DEGLI INCONTRI  “My place” di Qui e Ora Residenza Teatrale, visto ieri sera a Danae Festival, a Milano, è spettacolo bello e visionario. In scena i corpi di oggi, corpi senza più casa e senza più spazio, corpi costretti all’autosufficienza, a mostrarsi, performare, sbattersi, esibirsi. Gli stilemi della danza fatti amorosamente a pezzettini per restituire il frantumato del nostro essere corpi senza posti in cui abitare.

DA PERSI IN SALA – QUANDO LE PROIEZIONI DELL’ANIMA DIVENGONO STANZE E SOFFITTI di Luisa Gasbarri  “Le tre attrici della compagnia, Francesca Albanese, Silvia Baldini e Laura Valli, guidate dalla sensibile regia di Silvia Gribaudi, hanno provveduto a smantellare con movimenti a tratti materni, rotondi, invasivi o morbidi fino al languore, l’individualismo abituale imposto dalla scena, nonché dal mondo occidentale. Lo scopo delineare un corpo femminile non convenzionale, mostrarlo nella sua autenticità al di là degli stereotipi imperanti, farne un essere umano scevro da ritrosie, censure, nella verticalità spasmodica del suo perenne perdersi e offrirsi.”

DAL BLOG DI ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI  “L’informalità, la percezione di un lavoro apparentemente non rifinito, volutamente sporco, nasconde una forma, un’estetica… La casa. L’elemento della voce, del racconto, dello spaccato di vita, parziale, quasi flash visivo, si inserisce in un panorama, letteralmente, fisico…”

 

Video Teaser

Video Integrale

Credits:

Un progetto di Qui e Ora Residenza Teatrale
Ricerca materiali Francesca Albanese, Silvia Baldini, Silvia Gribaudi, Laura Valli
Regia Silvia Gribaudi
Assistente alla regia Roberto Riseri
Con Francesca Albanese, Silvia Baldini e Laura Valli
Assistente alla regia Roberto Riseri
Disegno luci Silvia Gribaudi e Domenico Cicchetti
Foto Michela Di Savino
Genere Physical theatre

Immagini
Circuitazione
MY PLACE | ZO

CATANIA

MY PLACE | Spazio Franco

PALERMO

MY PLACE | Donne in Circolo

CASALPUSTERLENGO

MY PLACE | Festival Segnali Experimenta

URGNANO (BG)

MY PLACE | Spazio Yak

VARESE

MY PLACE | Festival del Silenzio

MILANO

MY PLACE | ACTL LAZIO

PONTINIA (LT)

MY PLACE | Granara Festival

PARMA

MY PLACE | Cross Festival

CANNOBIO

MY PLACE | Lato B

MILANO

MY PLACE | Evoè Teatro

ROVERETO

MY PLACE | Campo Teatrale

MILANO

MY PLACE | Teatro del Lemming

ROVIGO

MY PLACE | Ri-generazioni

CASSANO VALCUVIA

MY PLACE | Teatro Comunale Rossini

GIOIA DEL COLLE

MY PLACE | Teatro Crest

TARANTO

MY PLACE – Il corpo e la casa | KILOWATT FESTIVAL 2017

SANSEPOLCRO

MY PLACE – Il corpo e la casa | ODISSEA 2017

TORRE PALLAVICINA (BG)

MY PLACE – Il corpo e la casa | IN-BOX dal Vivo 2017

SIENA

MY PLACE – Il corpo e la casa | E.T. extra teatro al femminile

ARCENE (BG)

MY PLACE – studio sul corpo e la casa | E.T. extra teatro – Ultimo appuntamento

TRESCORE BALNEARIO (BG)

MY PLACE – studio su il corpo e la casa –

VERDELLINO (BG)

PRODUZIONI ADULTI

Torna su